Secondi

Polpette di pane

come fare le polpette di pane

Le polpette di pane, un tempo piatto povero dei contadini, sono un’ottima idea per riciclare del pane raffermo e trasormarlo in un secondo piatto gustoso ed invitante o in un aperitivo finger food davvero sfizioso. Questi deliziosi bocconcini sono croccanti fuori e moridi all’interno, potrete accompagnarli con della salsa ketchup della maionese o ripassali nel sugo per un secondo ancora più saporito.

polpette di pane

Polpette di pane

Ingredienti:

500 g di pane raffermo

100 g di Parmigiano Reggiano

1 uovo

1 ciuffo di prezzemolo

sale q.b.

pepe q.b.

olio di semi per friggere

pane grattugiato (solo se necessario)

ricetta Polpette di pane

Preparazione

Prendete il pane raffermo, eliminate la crosticina e tagliatelo a pezzetti. Mettetelo in ammollo in una ciotola con acqua o se preferite del latte.

Dopo alcuni minuti, quando il pane si è ammorbidito  strizzatelo per eliminare l’acqua in eccesso. Unite il formaggio grattugiato, l’uovo, il prezzemolo sminuzzato, un pizzico di sale e una grattugiata di pepe ed impastate con le mani per amalgamare bene gli ingredienti. Se necessario potete aggiungere del pane grattugiato.

Prelevate un po’ di impasto alla volta e formate delle palline con le mani.

Friggete le polpette in olio bollente fino a quando diventano dorate, rigirandole per comletare la cottura sull’altro lato. Scolatele su un foglio di carta da cucina.

Servite le polpette di pane calde o tiepide.

Se desiderate una cottura più leggera potete cuocere le polpette in forno a 200° per circa 15-20 minuti.

Le polpette si conservano per un giorno chiuse in un contenitore ermetico.

come fare le polpette di pane.jpg

Spero che la ricetta di oggi vi sia piaciuta, vi saluto e vi aspetto per presentarvi tanti nuovi e piatti.

Continuate a seguirmi anche sui vari social, per essere sempre informati sulle novità diventate fan della mia pagina facebook.

Home Sweet Home blog

Vi aspetto numerosi, non mancate!

Vi ricordo inoltre che potrete trovarmi anche su:

twitter, google+, instagram, pinterest

Related posts:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *